venerdì 29 aprile 2016

RECENSIONE: UNA SFIDA COME TE - KATIE MCGARRY

Titolo: Una sfida come te 

Serie: Pushing the limits #3

Autrice: Katie McGarry

Casa editrice: De Agostini

Data d'uscita: 26 aprile 2016

Pagine: 512

Trama:

Ottimi voti, stile impeccabile e una carriera di successo: ecco cosa si aspettano tutti da Rachel Young. Specialmente la sua numerosa e assillante famiglia. Ma nessuno sospetta che dietro quella maschera di perfezione si nasconda una ragazza fragile con una lista interminabile di segreti. 
Segreti inconfessabili come la passione per la velocità e le auto da corsa. O come Isaiah, il bad boy dai penetranti occhi grigi che una notte la aiuta a sfuggire alla polizia. Isaiah rimane subito affascinato dal sorriso dolce e innocente di Rachel, ma l’ultima cosa di cui ha bisogno è rimanere invischiato nei problemi di una ragazza come lei.
 
Quando però una minaccia incombe prepotente sulle loro vite, Isaiah e Rachel sono costretti a collaborare e a partecipare insieme alle corse automobilistiche.
 
Solo così scopriranno quanto in là sono disposti a spingersi per salvare ciò che resta del loro futuro, e del loro cuore...
 

Cosa Penso:

Una sfida come te” terzo romanzo della serie Pushing the Limits di Katie McGarry è finalmente arrivato in Italia, e io non vedevo l’ora di leggerlo.
Ho finito di leggere questo romanzo proprio ieri pomeriggio, e in genere mi prendo un pochino di tempo per scrivere la recensione, per metabolizzare le emozioni provate dalla lettura, e per avere le idee un pochino più chiare su quelli che sono i miei sentimenti sul libro appena letto. Ma ho amato talmente tanto questa storia che mi formicolano le dita dal bisogno di digitare parole sulla tastiera per parlarvi di questo libro meraviglioso.

Questo mese abbiamo avuto ben due uscite di Katie McGarry, e ne sono davvero felicissima, perché questa autrice è qualcosa di favoloso e unico. Scrive storie dolcissime e romantiche pur trattando  tematiche delicate e attuali, e lo fa in modo talmente semplice che è impossibile non essere travolti dalla forza distruttrice delle sue parole, ed impossibile non lasciarsi travolgere dalle emozioni e innamorarsi dei protagonisti che la sua penna dipinge.
Credevo che dopo aver conosciuto Noah Hutchins (OLTRE I LIMITI Click sul titolo per la mia recensione) nessuno potesse competere con lui e la sua dolcissima sirena dai capelli rossi; Echo Emerson. Ma mi sbagliavo di grosso, perché se avete amato Noah, di sicuro non sarete insensibili all’irresistibile fascino di Isaiah, e vi giuro che lo amerete all’istante perché è semplicemente impossibile non affezionarsi a lui con il suo aspetto da bad boy temibile; con due freddi occhi grigi che hanno visto troppa sofferenza per un ragazzo di soli diciassette anni, i capelli rasati corti sulla testa, i muscoli possenti sulla braccia e i numerosi piercing e tatuaggi che coprono il suo corpo. Ma sotto quella scorza dura, sotto i muscoli e l’inchiostro che decora la sua pelle, oltre quell’aria da badass impertinente, che non è altro che una maschera indossata per farsi rispettare dagli altri ragazzi cresciuti per la strada come lui, c’è un cuore. Un cuore che batte e che ha un disperato bisogno d’amore, ma soprattutto un cuore che soffre per le carte schifose che la vita gli ha riservato.

Isaiah ha solo diciassette anni e la vita gli ha mostrato il suo lato peggiore: prima una madre che non si è presa cura di lui finendo dietro le sbarre – per cercarlo solo due anni dopo rispetto a quando è tornata in liberta – poi il sistema affidatario che lo ha sballottato di famiglia in famiglia – una peggio dell’altra  e tutte più interessate al denaro dello Stato piuttosto che prendersi cura di lui. E infine il suo cuore spezzato dalla sua migliore amica, la ragazza che amava ma che ha scelto un altro ragazzo al posto suo, facendogli perdere definitivamente la fiducia sull’amore.
Cercai di non pensare troppo a quello che stava succedendo fra noi. Mi piaceva. Le piacevo. A un certo punto avrebbe cambiato idea, ma per il momento mi sarei goduto il viaggio. In un’altra realtà, sarebbe stata il tipo di ragazza che avrei portato a cena e al cinema. Avrei bussato alla porta di casa sua, incontrato suo padre, fatto una bella impressione su sua madre, portato dei fiori e tutte quelle stronzate svenevoli che si dovevano fare per conquistare una ragazza.
Ma in quel caso avrei avuto una vita diversa. Una con dei genitori a cui gliene sarebbe fregato qualcosa di me. Una in cui avrei avuto una casa e magari un letto vero, forse una stanza tutta mia. Nell’arco di una settimana, avevo fatto le due cose che il sistema mi aveva insegnato a non fare: provare emozioni e sognare una vita diversa. Pensieri e sentimenti a briglia sciolta provocavano guai.
Accantonai il discorso. Il mio passato non mi garantiva un futuro, quindi meglio guardare al presente. 
Ha soli due punti fermi nella sua vita: Noah, il suo migliore amico e fratello acquisito con cui ha condiviso i dolori dell’affidamento, e la passione per le macchine. Una passione che potrebbe dare la svolta al suo futuro, perché ha tutte le carte in regole per diventare un meccanico affermato e fare strada in quel campo.

Dall’altra parte c’è Rachel.
Rachel ad uno sguardo superficiale potrebbe sembrare la classica ragazzina viziata: vestiti firmati e gioielli costosi, la scuola privata e la famiglia perfetta con quattro fratelli più grandi che la tengono sotto la loro ala protettiva. Ma la vita di Rachel non potrebbe essere più lontana dalla perfezione di così. Perché nella realtà, la sua famiglia non è affatto impeccabile, ma è dannatamente assillante e Rachel si sente soffocare dal bisogno di compiacere i suoi famigliari, in modo particolare sua madre.
Rachel è l’unica figlia femmina in una famiglia con quattro figli maschi. Penserete che sia la principessina della casa; quella amata, protetta e tenuta al sicuro, be se state pensando a
queste cose siete fuori strada perché Rachel non è niente di tutto ciò.
Lei è un semplice rimpiazzo.
Concepita, nata e cresciuta per sostituire Colleen – la sorella maggiore morta di leucemia prima che Rachel nascesse. E lei per tutta la vita ha cercato di assomigliare il più possibile alla sorella morta per compiacere la madre che ne sentiva una mancanza inaudita, perché la felicita della sua mamma dipende proprio da questo.
Ma tutto ciò la sfinisce, l’ansia le schiaccia il petto e le procura terribili attacchi di panico che tiene segreti a tutti per non essere considerata debole e fragile.
Rachel non è affatto felice.
L’unica cosa che le da gioia sono i motori. Immergersi fino ai gomiti nell’olio motore, guidare di nascosto nel cuore della notte la sua Mustang bianca del 2005. La velocità la fa sentire libera, lo schiacciare il piede sull’acceleratore le da forza, lo scalare le marce in rapida successione la fa sentire potente.

Proprio per questa passione comune per le macchine il destino fa incrociare le strade di Rachel e Isaiah.  
Tutto ha inizio ad una corsa clandestina; la polizia alle calcagna e loro due che fuggono insieme per non farsi arrestare. Da subito sono entrambi irrefrenabilmente attratti l’uno dall’altra, ma anche se diversi come il giorno e la notte insieme si completano perfettamente. E sono meravigliosi.
«Adoro questo qui.»Alla luce soffusa dei lampioni che entrava nella stanza buia attraverso gli spazi tra le stecche della veneziana, vidi gli occhi grigi di Isaiah diventare argento liquido. «È il mio preferito» mormorò. «Un giorno me ne farò uno per te.»
Una vampata di calore mi invase il centro del petto, sorpresa che fosse disposto a marchiarsi la pelle a vita per me. «Non sei costretto.»
«Lo farò.» Le dita mi accarezzarono la guancia, mentre brividi di piacere mi percorrevano la schiena. «Lo faccio sempre. Ogni tatuaggio rappresenta un bel ricordo. Gli unici che ho. E tu, Rachel, sei il più bello.»
Curvai all’insù le labbra, e lui me le sfiorò con le dita.
«Sogno il tuo sorriso.» Tracciò quell’arco come un artista. «Da quando ti ho incontrata, non c’è notte che non pensi a te.»
C’era un’energia che sentivo solo quando ero insieme a lui. Un’audacia mai provata in vita mia. Non mi sarei mai immaginata di ammettere di essermi innamorata di un ragazzo prima che lo facesse lui. O di stare a letto con un esemplare di maschio così bello mezzo nudo. Ma Isaiah aveva quell’effetto su di me: mi faceva sentire più forte di quanto fossi.
Il sangue mi pulsava forte nelle vene, facendomi vibrare. «Mi piace baciarti.»
La sua mano mi scivolò sul fianco. «Potrei farlo per sempre.»
Inizialmente Isahia sa bene che non  può lasciarsi coinvolgere da quell’angelo biondo con gli occhi viola. Sa che lei non è adatta a lui, e sa che ne uscirebbe per l’ennesima volta con il cuore spezzato e deve assolutamente tenerla lontana. Ma quando una minaccia grave incombe su di loro, Isahia non può semplicemente fregarsene, ma deve proteggerla.
E l’unico modo per tenerla al sicuro è  fare fronte comune e collaborare per risolvere i problemi che pendono sulle loro teste come una spada di Damocle.
 Mi passai le mani sul viso e sentii le ginocchia pronte a cedere. Fanculo, ero geloso e non era una buona notizia. Desiderarla era una cosa, baciarla una volta in un momento di debolezza era un’altra. Ma provare qualcosa per lei? Quello era il genere di stronzate che mi aveva quasi ucciso con Beth.
Dire che ho amato questo libro è decisamente riduttivo. Perché non l’ho solo amato, ma l'ho stra-amato. Non l’ho semplicemente adorato, ma l’ho stra-adorato.
La storia di questi due ragazzi apparentemente così diversi, ma in realtà molto più simili di quanto si possa credere mi ha conquistata sotto tutti i fronti, e si è insinuata profondamente sotto la mia pelle guadagnandosi un angolino del mio cuore. Ed è la terza volta che la McGarry ci riesce.
Lei con una semplicità disarmante scrive storie che prendono vita dalle pagine, e lo fa parlando di temi attuali come problemi psicologici che posso causare attacchi di panico, problemi che riguardando il sistema affidatario americano. Una realtà quest’ultima che mi ha sempre affascinato perché è terribile come funziona il sistema affidatario negli Stati Uniti. Dove ragazzi minorenni vengono affidati a famiglie incompetenti, il cui unico fine è quello di ottenere l’assegno che lo Stato fornisce a chi decide di prendersi in casa un ragazzo lasciato solo dai genitori.
La realtà di Isaiah non è solo finzione, ma è il modo in cui un sacco di ragazzi minorenni sono costretti a vivere negli Stati Uniti.
Isaiah apparentemente è il classico bad boy tatuato e pieno di piercing che frequenta brutti giri, ma in realtà non è così. Andando oltre all’apparenza si può vedere quanto è grande il cuore di questo ragazzo.
Isaiah non è un teppista, non è un criminale, non è uno sballato. Ma è un ragazzo che soffre, ed è incazzato nero con il mondo intero per la mano di carte orrende che il destino gli ha offerto.
 Soffre perché non riesce a vedere la luce infondo al tunnel dello schifo che è la sua vita, ma grazie a Rachel riesce a vedere un futuro per lui. Anche se sa di non essere all’altezza del suo angelo biondo, anche se è profondamente convinto che lei si meriti di meglio non la lascia andare e sta al suo fianco e cresce e matura. Matura per lei e con lei.
Anche Rachel cresce, e lo fa grazie ad Isaiah e il suo credere in lei.
Per tutta la vita si è sentita debole, e sola; schiacciata dai continui attacchi di panico che fa di tutto per nascondere alla sua famiglia. Rachel si sente fragile, ma grazie a lui ha la possibilità di dimostrare che non lo è affatto, e trova la forza per dimostrare quella che è davvero e combatte con le unghie e con denti per farsi vedere dalla sua famiglia per quello che è davvero. 

Insomma ragazzi, potrei andare avanti ore a parlare di questo libro, ma alla lunga finire per annoiarvi. Ancora una volta mi sono lasciata prendere la mano e ho scritto una recensione lunghissima. Quindi chiudo questa recensione consigliandovi caldamente questo libro, perché la McGarry ha scritto l’ennesimo gioiello e ci ha regalato, ancora una volta, una storia capace di appassionare regalando mille emozioni. Una storia che si legge in un soffio grazie ad uno stile semplice e accattivante che incatena alle pagine anche grazie ai numerosi colpi di scena che in più di un occasione mi hanno lasciata a bocca aperta.
Ora non ci resta che aspettare il quarto capitolo della serie dove vedremo come protagonista West – uno dei fratelli di Rachel – e mi auguro davvero che arrivi quanto prima perché io non vedo l’ora di averlo tra le mani!
Il mio voto:

19 commenti:

  1. Non vedo l'ora di leggerlo! Ho adorato Oltre i Limiti, e da questa tua recensione questo non è da meno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marti se ti è piaciuto Noah, Isaiah lo amerai!!!

      Elimina
  2. Wow, mi hai davvero incuriosita con questa recensione!
    Da quello che ho letto finora, la trama riportata in quarta di copertina non rende affatto giustizia a questo libro.
    Mi sembra, infatti, che in questa storia molti "stereotipi" del romanzo rosa vengano interpretati in una chiave del tutto nuova.
    Andrò di sicuro a dare un'occhiata a questo libro, visto il tuo entusiasmo! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia ciao,
      ti dirò che la trama non l'avevo letta. COn la McGArry vado sempre alla cieca perchè so che non mi delude mai! Questo comunque è il terzo libro di una serie, se non li hai ancora letti e sei interessata ti consiglio di dare una sbirciatina alle trame dei primi due ;)

      Elimina
  3. Anche io ho amato Oltre i limiti, ho in lettura Un'estate contro e non vedo l'ora di poter proseguire la serie. Complimenti per la recensione. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, credevo che oltre i limiti fosse il migliore, ma dopo aver letto questo non ne sono più così sicura!
      Comunque grazie per i complimenti ;)

      Elimina
  4. Okay, DEVO leggere questo libro!!!! Bellissima recensione, grazie :)

    RispondiElimina
  5. Ecco un altro libro che non mi posso perdere, questa serie la adoro, trovo sia una delle migliori del genere new adult *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente imperdibile. Ho amato questo libro e ho amato Isaiah ♥

      Elimina
  6. Bellissima recensione, mi ritrovo in tutto quello che hai scritto! <3 Un libro splendido, che resta nel cuore...Isaiah poi, ti ruba l'anima. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cate, hai proprio ragione Isaiah ti ruba l'anima ♡ L'ho finito da una settimana ormai e continuo a pensare a questo libro ;)

      Elimina
  7. Ciao! :) Complimenti per la recensione! Di questa serie avevo letto il primo un paio di anni fa ma poi mi ero fermata, anche se avevo tutte le intenzioni di continuarla... credo che sia arrivato il momento di riprenderla! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      grazie ♡
      Io consiglio sempre questa serie perchè è meravigliosa, la mcgarry è eccezionale. ♡

      Elimina
  8. Devo assolutamente leggerlo Frency, bellissima recensione! *O*

    RispondiElimina
  9. Frency ciao.
    Riesco finalmente a commentare questa tua recensione adesso l'ho recensita anch'io.
    Dire che amo Noah e Echo è dire poco, li adoro proprio. In questo libro è stato bellissimo rivederli, seppur in minor parte, e ho apprezzato tanto la storia di Isaiah un personaggio che mi aveva sempre incuriosita.
    Un'autrice davvero brava la McGarry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro la McGarry, è fantastica! Spero esca presto il prossimo libro di questa serie!!

      Elimina
  10. Oh, mio Dio, non so neanche scrivere a parole quanto abbia amato questo romanzo *-* (trovi la mia recensione heeere !)
    Rachel è una protagonista forte, l'ambientazione è favolosa e Isaiah... Oh, Isaiah *occhi a cuore*. Non pensavo mi entrasse così tanto nel cuore e invece è diventato il mio personaggio preferito tra quelli della McGarry in men che non si dica!
    Niente da fare, ho amato questo romanzo in tutto e per tutto.
    Rainy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara,
      Occhi a cuore per Isahia, condivido! è semplicemente troppo carino. Io adoro la MGarry mi entra nel cuore ogni storia che scrive, non so se hai letto la sua nuova serie Thunder Road, anche quei personaggi li ho amati follemente!

      Elimina